DHCPin failover con Windows 2012-R2

La perdita di un server DHCP all’interno della rete può costituire un single point of failure portando alla paralisi operativa della rete stessa (dato che non esiste più un server che assegna indirizzi agli host). Normalmente si cerca di porre rimedio a questo problema costruendo uno split scope, vale  dire suddividendo l’intervallo degl indirizzi da assegnare tra due server, con l’effetto collaterale sgradevole che, se uno dei due server viene a cadere, il numero totale di indirizzi effettivamente disponibili si dimezza, e può non essere più sufficiente.

Da Windows 2012 in poi Microsoft fornisce una forma di HA (High Availabiltiy) per i server DHCP più sofisticata, consentendo di implementare una architettura più vicina ad un failover vero  e proprio, in cui se uno dei server viene a mancare l’altro prende il ruolo del server mancante e tiene traccia di tutti gli indirizzi assegnati. Questa architettura in Windows 2012 chiedeva l’utilizzo di uno storage condiviso (una SAN, soluzione costosa); questo requisito viene a cadere con Windows 2012 r2,  con il quale la configurazione di un cluster diventa veramente semplice.

Va detto subito che quanto segue vale esclusivamente per IPv4; d’altra parte in IPv6 normalmente la configurazione è stateless ed il DHCP server viene usato soltanto per trasferire le opzioni di ambito. Se le opzioni di ambito sui due server DHCP sono uguali (in sostanza stanno indicando ai client quale DNS e gateway usare, e se devono gestire le stesse reti saranno uguali), la mancanza di uno dei due costituisce un problema relativo, dato che il DHCP server fornisce solo opzioni di configurazione, e non gli indirizzi agli host (che li acquisiscono via SLAAC).

Requisiti

Il failover DHCP si applica solo a Windows 2012 server e versioni successive; solo due server possono essere posti in failover. Windows 2012 R2 è preferibile (per le ragioni dette sopra).

Configurazione

Supponiamo di avere già configurato uno scope DHCP su uno dei nostri server DHCP (questo articolo porta note utili per la configurazione di un server DHCP) . Nel caso in esempio i server hanno indirizzi 10.0.0.252, 10.0.0.248. La rete, una rete di laboratorio. ha indirizzamento 10.0.0.0/24, con opzioni Gateway 10.0.0.1, DNS 10.0.0.252, 10.0.0248.
Creiamo su SRV01l’ambito:
Amb01: 10.0.0.64 – 10.0.0.95

In DHCP Manager, da Scope, facciamo click con il destro, Configure failover. -> Next -> Partner server, Add server, e selezioniamo il server di replica, cliccando poi Next.

configure failover

Creiamo una relazione di failover

Maximum cleint lead time:  quanto tempo aspetterà il server prima di prendere il controllo dell’intero cluster nel caso il partner fallisca

Mode:  load balance: active active, i due server gestiscono entrmbi le richieste distribuendo il carico

Load balance percentage: il server con la percentuale più alta gestisce il carico più elevato

State switchover interval: possimao lasciare il default

Enable message autentication:  per scambiare messaggi crittografati tra i server

 Una volta configurato il failover, questo è il risultato per come si vede da un client sulla stessa rete, usando dhcploc:

G:\utils>dhcploc 10.0.0.111
14:30:54 OFFER (IP)10.0.0.64 (S)10.0.0.253 ***
14:30:54 OFFER (IP)10.0.0.80 (S)10.0.0.248 ***
14:30:57 OFFER (IP)10.0.0.64 (S)10.0.0.253 ***
14:30:57 OFFER (IP)10.0.0.80 (S)10.0.0.248 ***

Nel registro degli eventi vedremo un diagnostico di questo genere, che indica la realizzazione del failover:

event failover success

Vediamo cosa accade in caso di guasto: a questo scopo, la maniera più semplice è quella di disabilitare l’interfaccia di rete di uno dei server (siamo in ambiente di test!). Semplicemente l’altro server continuerà ad offrire indirizzi. Nel registro degli eventi vedremo loggati i messaggi che seguono:

failover lost comm

Il messaggio indica la prematura scomparsa del secondo server (che fa sì che la comunicazione tra i due server nel cluster venga a mancare). E’ sufficiente ripristinare l’interfaccia di rete perché il failover torni ad essere attivo, conservando traccia di tutti gli indirizzi assegnati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Usiamo i cookies per ragioni tecniche. Teniamo in alta considerazione la tua privacy.

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi